«

»

Giu 12

Stampa Articolo

CURIOSITÀ, ESTRO E FANTASIA

Per associazione di idee, ho sempre visto Milano come fucina di creatività: centro del design e della moda, fulcro del Made in Italy esportato a livello internazionale. Probabilmente influisce la mia esperienza personale, di cui fa parte un corso sull’Hotel Design (e parliamo di un’estate di oltre dieci anni fa) oppure la partecipazione agli immancabili appuntamenti della Design Week.
MIKAAnche la mia passeggiata a Milano di questa settimana non smentisce il mio pensiero: una prima puntatina all’Expo e un bel concerto di Mika, cantante di fama internazionale che gli appassionati conosceranno, oltre che per i suoi dischi, anche per la partecipazione alle ultime due edizioni di X Factor Italia.

Un post su Expo e Mika? Un bel connubio: due eventi che non sembrano avere molti punti in comune, tanto più se vogliamo parlare di alberghi o centri benessere, eppure…leggete e giudicate voi (vi aspetto nei commenti, sperando di appassionarvi fino all’ultima riga!).

Parliamo dell’Expo, non tanto per parlare dell’Expo e delle sue meraviglie alle quali dedicherò a brevissimo qualche post e una meravigliosa gallery fotografica (praticamente ho “bruciato” una fotocamera!), quanto per condividere le emozioni che mi hanno tenuto costantemente in fibrillazione.
Parliamo di Mika, un artista che nella sua “semplicità eccentrica” è l’incarnazione della fantasia e dell’estro, dietro una faccia pulita che accompagna un’immagine ricercata è fortemente originale.

Un comune denominatore che, sapendo di ripetermi, non riesco a definire se non con PURA CREATIVITÀ!

Expo Milano: blogger on action

Expo Milano: blogger in azione

Una concentrazione di architetture che in Italia, al di fuori della manifestazione, ci possiamo solo sognare. Il meglio degli sforzi prodotti da tutte le nazioni del mondo: forme, colori, luci, materiali, soluzioni e soprattutto tantissime idee!
Dietro ogni piccola installazione è nascosto un concept che parte dal tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” ormai noto a tutti, e arriva a presentare le specificità di ogni Paese, la cultura, il territorio, i prodotti locali e tanto, tantissimo altro.
Pura creativitá per tradurre in milioni di modi il messaggio dedicato al visitatore, per renderlo consapevole ed informarlo sulla bellezza di questi mondi straordinari, spesso lontani mille miglia dall’ambito in cui ognuno si trova a vivere quotidianamente. Un concentrato di fantasia attraverso la quale il concept viene tradotto in architettura e sviluppato nei contenuti attraverso installazioni sempre più tecnologicamente avanzate.

Un’esplosione di colori che partono dalla scenografia e, passando per l’impianto delle luci, arrivano a dipingere l’anima di un’artista la cui creatività condiziona fortemente non solo la sua musica ma anche il suo modo di essere.
Ascoltare Mika o anche solo pensare al suo divertente modo di interpretare la scena, che sia il concerto al Fabrique di Milano, tappa numero uno del tour, o il palco di XFactor che lo vede protagonista come giudice, mi fa scattare in testa una molla, un interruttore che mi predispone in modalità “creativo”!

Come le copertine dei dischi o gli oggetti di design che Mika stesso ha concepito, comincio a vedere tutto a colori, colori accesi che si mescolano tra di loro formando idee, allo stesso modo in cui le forme architettoniche e gli spazi non convenzionali che si presentano procedendo lungo il Decumano all’Expo ne accendono la miccia.

Fabrique, Milano: Mika on action

Fabrique, Milano: Mika in azione

Ecco gli ingredienti di cui abbiamo bisogno per i nostri hotel e le nostre SPA: curiosità, estro, fantasia, allegria, energia, per uscire dal mondo del monotono, per pensare in un modo diverso, per emozionare attraverso soluzioni semplici e colorate, che non vuol dire mettere arcobaleni o Arlecchini nelle nostre reception, ma vuol dire interpretare qualsiasi ambiente, qualsiasi angolo della nostra struttura attraverso un gioioso insieme di elementi, eleganti e originali.

Certo, ci vuole un po’ di pazzia. Lo vogliamo chiamare coraggio? Io lo chiamerei amore e passione per un settore che non aspetta altro che una nuova linfa vitale per esplodere in tutta la sua bellezza!

Leggi anche:

 

Permalink link a questo articolo: http://hoteldesign.org/curiosita-estro-fantasia-creativita/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>