↑ Torna a Gallery eventi

Stampa Pagina

Cersaie 2016, una crescita di qualità

Chiusi i battenti dell’edizione 2016 del Cersaie – il Salone Internazionale della ceramica per l’architettura e l’arredo bagno – prima del prossimo tour de force che mi porterà a presentare la mostra “A color Life – Vivere a colori al prossimo Sia Guest (Rimini, 13-15 ottobre), vale la pena buttare giù qualche nota, tirando le somme di una settimana ricca di interessanti novità.

img_6229Questa è già una prima notizia: rispetto a quello che scrivevo nel post un paio di anni fa, in cui mi rammaricavo dell’appiattimento generale delle proposte, quest’anno ho trovato una manifestazione dinamica e interpretata da molte aziende con uno spirito internazionale. Il concetto stesso di fiera, all’estero, è profondamente diverso dal nostro Paese: fermo restando il sottofondo commerciale – che rappresenta il senso di una manifestazione fieristica – le proposte sono molto più accattivanti e ben presentate per il visitatore.
E finalmente anche il Cersaie si è adeguato: non solo esposizione di materiali, ma interessanti ambientazioni, scorci molto ben allestiti che permettono di ricreare degli spaccati di abitazioni, bagni, negozi ed altri luoghi in cui i materiali sono valorizzati al massimo.
Un passo ulteriormente importante vista la monotematicità dell’evento, in cui a pavimenti e rivestimenti si susseguono altri pavimenti e rivestimenti: un percorso che, se non ben concepito, annoia a morte anche il visitatore più motivato [Photogallery in fondo alla pagina]

foto_00La fiera è capitata al momento giusto, in cui mi è necessario scegliere materiali per qualche progetto in corso. Ho approfittato per girare tra i padiglioni con alcuni clienti, alla ricerca di soluzioni per i nostri lavori, ed abbiamo trovato di tutto, dai pavimenti ai sanitari, dalle rubinetterie ai termoarredi: soluzioni di tutti i tipi, pavimenti e rivestimenti effetto legno, effetto pietra, finto tessuto, colorati o monocromatici, piccoli o di formato gigante, sanitari di design o classici, vasche e saune.

Due anni fa parlavo proprio della necessità di valorizzare la qualità dei materiali in ottica innovativa attraverso il progetto e quest’anno ho trovato proprio questa esatta interpretazione: materiali che visti sul catalogo o in un campionario non avrebbero alcun appeal perché troppo “normali”, prendono vita in un allestimento che permette di apprezzarne le potenzialità quando si trovano applicati in uno spaccato di ambiente reale.

weblogMa Cersaie quest’anno è stato anche altro: il primo evento social-live dopo il Salone del Mobile di Milano (che è una storia a parte…). Sotto il mirto della mostra Cer-Sail è stata allestita un’isola social grazie al lavoro dei WeBlog, un gruppo di design blogger provenienti da varie parti d’Italia che si sono ritrovati grazie agli interessi comuni sull’interior design e alla passione per la scrittura, realizzando quello che ritengo uno dei progetti editoriali più interessanti di oggi. Un gruppo intorno al quale io ed altri blogger ci siamo uniti con piacere per condividere punti di vista ed esperienze, che si trasferisce off-line e diventa circostanza di convivialità e di complicità. Grazie alla creatività che aleggia su tutti, nascono fantastiche idee che ognuno applicherà nel proprio ambito professionale o nel progetto del proprio blog.
Un’occasione social off-line come quella appena vissuta vale da sola la partecipazione alla fiera!

isolasocialAnche quest’anno è stata presentata una mostra tematica: Cer-Sail, realizzata su progetto di Angelo dell’Aglio e Davide Vercelli, ha preso vita grazie alla partecipazione di molte aziende che, nella collaborazione reciproca, hanno realizzato interessanti ambientazioni.
Non ho trovato l’argomento particolarmente felice, in un momento in cui non vedo il tema della riqualificazione dei porti turistici o delle zone costiere di particolare interesse per il vasto pubblico del Cersaie.

Certamente il risultato dell’iniziativa è stato senz’altro positivo, a partire dall’idea del co-marketing tra le aziende fino ad arrivare alla qualità dei materiali e delle soluzioni proposte.

Ho partecipato anche quest’anno a “Disegna la tua casa” con Wellness Design, organizzato per avvicinare chi ha bisogno di consulenza ad architetti ed interior design a disposizione di tutti.
Visto che il mio lavoro è proprio sulle idee, sono un po’ allergico a fornire consulenze in maniera così gratuita. Malgrado questo, prendere in mano la matita per confrontarsi in venti minuti con le piantine posate sul tavolo da chi deve ristrutturare o costruire qualcosa resta comunque creativamente stimolante.

img_6369Tirando le somme, ho trovato una manifestazione dallo spessore più alto rispetto alle passate edizioni, nella qualità delle ambientazioni e nelle proposte dei materiali. I chilometri percorsi tra le corsie dei padiglioni fieristici mi hanno portato ad individuare alcuni trend interessanti che già ho anticipato nelle righe sopra: meno effetti speciali e molta più attenzione progettuale all’utilizzo dei materiali, nella posa, nel loro accostamento, nei giochi di colore, ecc.
Un po’ troppo vintage e un po’ troppo grigio, ma nel complesso molta eleganza

img_6391

Gli amici blogger mi chiedono un parere? Tra le varie ambientazioni, mi ha colpito la presentazione di Bisazza e delle sue collezioni di punta proposte in una cornice classica ma moderna allo stesso tempo, ma il materiale che mi ha affascinato di più è quello della serie Room di Atlas Concorde.

 Ecco, mi sono sbilanciato!

 


« 1 di 4 »

 

Permalink link a questo articolo: http://hoteldesign.org/gallery-eventi/cersaie-2016-una-crescita-di-qualita/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>