»

Mag 10

Stampa Articolo

FASHION HOME SPA

A day without colour is not a day
Karim Rashid

Fashion Home Spa - Fuorisalone Milano 2013

Fashion Home Spa – Fuorisalone Milano 2013

Come sappiamo, negli ultimi anni il numero dei nuovi centri wellness è in continuo aumento: da una parte, nel settore alberghiero è diventato impensabile pensare un hotel senza servizi per il benessere dell’ospite, la cui presenza è diventata discriminante nella scelta di una struttura. Dall’altra, nascono day spa di ogni tipo, per poter approfittare del potenziale business rappresentato dalla forte domanda di benessere, alta malgrado il momento di profonda recessione.
Eppure, come mai solo pochissimi centri benessere, rispetto al totale delle nuove strutture, si dimostrano realtà degne di nota? Come mai, pur essendo tutti concepiti per essere ambienti affascinanti ed emozionali, molto spesso non vengono apprezzati tanto da arrivare al rischio di fallimento perché non graditi agli ospiti?

Uno dei più gravi errori di progettazione di un centro benessere è la superficialità attraverso la quale una struttura viene concepita: un locale nel quale vengono “semplicemente” sistemate attrezzature come vasche, saune, bagni turchi e qualche lettino, con luci e aromi di contorno, pensando in questo modo di riuscire a strutturare un’offerta accattivante per gli ospiti.
Tralasciando sia l’aspetto distributivo, i cui errori portano inevitabilmente ad una struttura mal funzionante, sia l’aspetto della gestione di un centro benessere, che meriterebbe un’ampia divagazione, il più grosso problema è la mancanza di idee: la mancanza di personalità, la mancanza di un concept che possa caratterizzare l’intero centro wellness, un’anima da infondere agli spazi, un’idea, l’idea, una caratteristica che rende unico un centro benessere e che gli permette di distinguersi nel settore e di porsi sul mercato in maniera forte!

L’Italia è nota nel panorama internazionale come patria della creatività: il design italiano ha una grandissima considerazione all’estero e ha fatto scuola ovunque. Eppure, oggi, molti Paesi ci hanno superato con le loro idee innovative e credo che il Salone del Mobile, che si svolge a Milano ogni anno con grande successo di pubblico e di espositori internazionali, ahimé, sancisca questo fatto.
In Italia, la crisi è diventata la scusa per piangersi addosso e rimanere nel consueto immobilismo, che riguarda anche la mancanza di idee. Eppure, citando Albert Einstein: “La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. L’inconveniente delle persone è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita. Senza crisi non ci sono sfide. Parlare di crisi significa incrementarla e tacere nella crisi è esaltare il conformismo […]. L’unica crisi pericolosa è la tragedia di non voler lottare per superarla”.

Nel settore del benessere, la mancanza di un’idea finisce con il condizionare l’intera attività di una nuova struttura. Non serve inventarsi soluzioni impossibili per dare vita nuova ad un centro wellness: è sufficiente concepirlo con un’anima che possa renderlo coerente con l’offerta che si vuole proporre all’ospite.

In quest’ottica e con questo obiettivo, in occasione del Fuorisalone di Milano, per la Design Week, ho concepito la Fashion Home Spa: voglio porre l’attenzione su un benessere accessibile a tutti, anche nella propria abitazione, presentando spazi caratterizzati da un concept legato alla moda e al design, due eccellenze italiane unite dal tema di fondo del benessere.
Eleganza, tendenza, stile, fascino, prestigio, incantesimo, magia: sono parole chiave comuni tra benessere e moda, il cui connubio porta ad uno stimolante quanto innovativo sviluppo progettuale, focalizzato per l’occasione anche nella creazione di spazi-benessere in ambito privato, noto come home wellness.

Giochi di materiali e di colori, passando dal vintage “animalier” ad esplosioni di tinte forti e calde che permettono all’ospite di non vivere il centro benessere come triste percorso solitario ma come gioiosa espressione della propria serenità; è la traduzione dell’aspetto festoso e allegro del benessere, che spesso non viene preso in considerazione in virtù di una presunta eleganza sottolineata da materiali che risultano asettici e da un colore di fondo “neutrale” tendente al grigio e al beige.
D’altronde, la vita è fatta di colori che, “come i lineamenti, seguono i cambiamenti delle emozioni” – Pablo Picasso. E le emozioni dell’ospite in un centro benessere, nell’attimo che è riuscito a ritagliarsi per il proprio relax e la propria serenità, non possono non essere ricche di colori.

 

Nella Home Spa, gli angoli benessere creati nello spazio privato, risultante spesso dall’evoluzione dell’ambiente bagno, si tingono di colore nei materiali e nei tessuti, conditi, laddove possibile, con una tecnologia che oggi permette di sviluppare in maniera semplice, soluzioni che integrano audio, video, musica, aromi e luci.
Non è necessario appesantire l’intero ambiente andando a connotare ogni angolo, ma è indispensabile valorizzare l’idea individuando quali possono essere gli elementi sui quali focalizzare l’attenzione progettuale, anche in virtù di un risparmio nella spesa complessiva dell’investimento per la realizzazione della zona benessere.

L’ambiente contraddistinto da un’idea diventa unico: solo in questo modo è possibile interpretare il progetto di un’area wellness creando uno spazio nuovo, emozionale e soprattutto mai banale. Si tratta di lavorare riscoprendo l’enorme valore dell’innata creatività italiana e applicandolo alle realtà complesse quanto affascinanti dei centri benessere, che riusciranno a trovare la loro identità, il loro carattere e il loro posto d’onore sul mercato.

E’ una sfida che spesso richiede addirittura di modificare il modo di concepire il progetto e che costringe ad affrontare il tema in maniera sicuramente più difficile; d’altronde, “le onde non arriverebbero così alte se non incontrassero gli scogli!”: è l’unica strada che porta all’obiettivo.

Permalink link a questo articolo: http://hoteldesign.org/fashion-home-spa-milano-fuorisalone/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>